23 settembre

Il pesce certificato: vizi e virtù

Torino-Lingotto Fiere

Possiamo immaginare uno standard, un logo o una certificazione che difenda e rappresenti i valori di Slow Food?

I sistemi di certificazione sono sotto attacco da parte di ambientalisti, ONG specializzate, piccoli pescatori ed esperti di pesca. Il problema è che questi standard non sono abbastanza rigorosi e allo stesso tempo sono fonte di conflitto tra valori e definizioni, su chi detta il vero significato di “sostenibile”. Come valutiamo, non solo l’impatto per l’ambiente, ma anche sul produttore e la sua comunità?

Intervengono:

  • Daniele Mugnano, Italia, Fishmonger Fish Box;
  • Caroline Bennet, Regno Unito, Pint Fish, Sole di Discrezione;
  • Kim Ley Cooper, Messico, Direttore Colectividad Razonatura, Progetto di miglioramento della pesca;
  • Hasanah Kehmasaw, Thailandia, Impresa Sociale dei pescatori;
  • Mathilde H Autzen, Danimarca, Gilda dei pescatori costieri di Thorupstrand;
  • Alice Miller, Regno Unito, membro della International Pole and Line Foundation (IPNL);
  • Nobuyuki Yagi, Marchio di qualità ecologica marino Giappone (MEL JAPAN).

Moderatore: Charles Redfern, Regno Unito, fondatore di Organico.

I Forum tematici di Terra Madre hanno per protagonisti i delegati della rete e sono aperti al pubblico fino a esaurimento posti.

Ingresso prioritario ai delegati. L’accesso richiede l’iscrizione in loco. 

23 settembre

14:00 - 16:00

Stand:
Food for Change – Slow Fish – Pad. 2/Pav. 2