23 settembre

La rete dei mais

Torino-Lingotto Fiere

Il mais è una delle più importanti merci di scambio dell’agroindustria: è impiegato nell’industria alimentare, mangimistica, e in quella del packaging.

I mais che dominano il mercato sono ibridi commerciali (spesso geneticamente modificati) e la loro coltivazione ha un enorme impatto sull’ambiente. Ma esistono anche innumerevoli varietà locali, dai chicchi gialli, neri, bianchi, viola, dalla pannocchia più o meno lunga, più esile o più tozza. In Italia è nata la rete Slow Mays, per supportare le comunità del cibo che coltivano e trasformare mais tradizionali. A Terra Madre confrontiamo le esperienze dei suoi produttori con quelle dei delegati da tutto il mondo.

Intervengono:

  • Loris Caretto, Italia, Rete mais Italia;
  • Edward Wisdom Nthimbane, Sudafrica, Presidio mais arcobaleno;
  • Larizza Aquino, Messico, Rete mais in Chiapas;
  • Mauricio Juan Vives Moratorio, Uruguay, produttore;
  • Christian Aguerre, Francia, Presidio mais grand roux;
  • Sepp Brandstätter, Austria, mais bianco in Alpe Adria, Slow Food Travel.

Modera: Lorenzo Berlendis, Italia, consigliere nazionale Slow Food Italia.

Ingresso prioritario ai delegati. L’accesso richiede l’iscrizione in loco.

I Forum tematici di Terra Madre hanno per protagonisti i delegati della rete e sono aperti al pubblico fino a esaurimento posti.

23 settembre

14:00 - 16:00

Stand:
Food for Change – Semi/ Seeds – Pad./Pav. 3