24 settembre

Le possibilità di un’isola

Torino-Lingotto Fiere

Le isole sono ecosistemi fragili, sulle quali possono avere impatti devastanti le “orde” di turisti nei mesi estivi così come una non corretta gestione delle risorse naturali.

Proprio per questo, le isole necessitano di cure, attenzioni e piani lungimiranti che garantiscano uno sviluppo sostenibile. È possibile puntare sulla valorizzazione della pesca e dell’agricoltura locale, su percorsi naturali e culturali che favoriscano un turismo consapevole? In questo forum raccontiamo alcune esperienze, dalla rete delle isole Slow (nel Mediterraneo) a esempi più lontani, in Sudamerica e Asia.

Intervengono:

  • Vanja Bralo. Croazia, Social network nell’isola Pokret Otoka;
  • Liliana Ivanova. Ucraina, Isola di Vylkove;
  • Carlina Veloza Jay. Colombia, Produttore di granchio nero dell’isola di Providencia;
  • Akeisha Clarke. Martinique, Pescatrice, contadina e attivista. Rappresentante di ” Petite Martinique Women in Action “;
  • Joseph Bonhomme Philippe e Alessandro Cadorin. Haiti, Associazione dei contadini di Fondwa/APF, CARITAS Haiti;
  • Saki Yamada. Giappone, Slow Food Ryukyu Youth, Aiai Farm, Isole Okinawan;
  • Rosario Gugliotta. Italia, Progetto Isole Slow.

Moderatore: David Soto Uribe, direttore della Fondazione ACUA

I Forum tematici di Terra Madre hanno per protagonisti i delegati della rete e sono aperti al pubblico fino a esaurimento posti.

Ingresso prioritario ai delegati. L’accesso richiede l’iscrizione in loco. 

24 settembre

11:00 - 13:00

Stand:
Food for Change – Slow Fish – Pad. 2/Pav. 2