Food for Change – I semi

I semi

Nel tempo, i semi dell’industria hanno soppiantato quelli dei contadini e sono quelli che generalmente troviamo ora in commercio.

Secondo la Fao, negli anni Settanta c’erano oltre 7000 aziende sementiere, nessuna delle quali raggiungeva il mercato globale, mentre oggi le prime tre (Monsanto, Pioneer Dupont e Syngenta) detengono il 53% del mercato globale e le prime 10 ne detengono il 76%. Secondo The Greens/Efa Group, nell’Unione Europea il 75% del mercato delle sementi di mais è controllato dalle prime 5 compagnie del settore, così come l’86% del mercato della barbabietola da zucchero e il 95% degli ortaggi. La recente fusione dei giganti Bayer e Monsanto aumenta in modo smisurato il controllo di poche grandi aziende su tutto il mercato globale.

Lo sai che…

Pensi mai ai semi che hanno generato il tuo cibo? Quando fai la spesa o cucini, quante volte ti chiedi chi ha prodotto, selezionato o acquistato le sementi che sono servite per produrre la tua frutta e la tua verdura, ma anche il tuo pane e la tua pasta, e addirittura la tua carne, visto che gli animali allevati si nutrono di vegetali? Hai un piccolo orto? Sai come fare a selezionare, moltiplicare e conservare i semi per l’anno successivo?

Slow Food si impegna a livello internazionale per dare valore ai semi rurali, selezionati dai contadini secondo princìpi di saggezza che ne hanno migliorato la resa, il gusto, i valori nutritivi e altre qualità, e la diversità genetica delle colture, indispensabile per affrontare cambiamenti ambientali e climatici imprevedibili, per garantire una maggiore stabilità di produzione e per proteggere l’ambiente naturale.

La nostra posizione si può riassumere così: più diversità genetica, più libertà per le comunità rurali, no Ogm.

I semi a Terra Madre Salone del Gusto

Coltiva il tuo cibo! L’orto di Slow Food a Expo 2015. Ph. Marco del Comune.

Se sei interessato ad approfondire il Mondo dei semi slow, Terra Madre Salone del Gusto ti propone:

  • Incontri a tema, dove i delegati della rete ti racconteranno le proprie esperienze – dai cereali antichi dell’Africa subsahariana ai progetti di orti urbani, scolastici, comunitari;
  • Laboratori del Gusto e Scuole di Cucina dedicati, con appuntamenti sulle tecniche di conservazione, sulle varietà antiche, con tanti spunti per l’orto di casa;
  • un percorso interattivo, dove grazie alla guida dei nostri animatori ed esperti potrai scoprire tante cose che forse non conoscevi;
  • E non mancano neppure le attività per le scuole, tutti i giorni fino alle 13.

I Laboratori del Gusto e le Scuole di Cucina sono a pagamento e saranno acquistabili online su questo sito; gli altri appuntamenti sono a fruizione gratuita. Torna a trovarci a giugno per scoprire tutti gli appuntamenti in programma.

L’area tematica dedicata ai semi, nei padiglioni del Lingotto Fiere, è anche un punto Slow Food! Approfittane per venire a conoscerci, informarti sui nostri progetti e lasciarci il tuo contatto, se vuoi continuare a saperne di più!